VENDEMMIA PER SAMMY BASSO DOMENICA ALLA CANTINA LE MANZANE

Vivere una giornata da veri vignaioli. Domenica 9 settembre, dalle 9 alle 16, tornerà la vendemmia solidale alla cantina Le Manzane, la grande festa della raccolta dell’uva organizzata per il settimo anno consecutivo dalla tenuta di San Pietro di Feletto (Treviso). Il ricavato della manifestazione sarà devoluto all’Associazione Italiana Progeria Sammy Basso onlus. L’evento prevede degustazioni, merenda in “caneva”, momenti di intrattenimento e visite in cantina.
La vendemmia solidale ospiterà per la prima volta l’invasione pacifica del lungo e colorato serpentone dei ciclisti della Prosecco Cycling. In cantina sarà allestito un ristoro speciale a base di Prosecco e scampi che lancerà la scalata al Muro di Ca’ del Poggio. Una tappa due volte “buona”, visto che la Prosecco Cycling devolverà un euro per ogni partecipante alla onlus di Sammy Basso.
In un luogo magico come le colline del Prosecco Superiore, la raccolta dell’uva è̀ il momento in cui le fatiche di un anno trascorso tra le colline si trasformano in nettare. Ma non solo perché alla cantina Le Manzane, ogni fine estate, la vendemmia diventa una grande festa aperta a tutti per una buona causa: i fondi raccolti domenica, insieme alla vendita delle bottiglie a Natale, serviranno a finanziare la ricerca sulla sindrome da invecchiamento precoce, la malattia genetica rarissima che ha colpito Sammy.
A 22 anni Sammy Basso è il più longevo al mondo tra i malati di progeria. Vive con la sua famiglia a Tezze sul Brenta, un piccolo comune in provincia di Vicenza. La progeria o Sindrome di Hutchinson-Gilford, il cui nome deriva dal greco e significa “prematuramente vecchio”, è caratterizzata dalla comparsa di un invecchiamento precoce nei bambini. Secondo le stime i casi sono solo 150 in tutto il mondo. Per promuovere la ricerca sulla sua malattia, nell’ottobre del 2005, Sammy ha fondato l’Associazione Italiana Progeria Sammy Basso onlus (A.I.Pro.Sa.B.). Il 17 luglio di quest’anno si è laureato con 110 e lode in Scienze Naturali all’Università degli Studi di Padova presentando una tesi su una nuova terapia messa a punto fra Spagna e Italia per rallentare il decorso della malattia.

Annunci