NOALE: A TAVOLA CON L’OLTREPÒ PAVESE

foto la corte delle tre lune noale

Una cena a tema con l’azienda Marchesi di Montalto e i vini dell’Oltrepò Pavese in uno dei borghi più belli della provincia di Venezia. L’appuntamento è per giovedì 11 settembre alle 20.30 al ristorante La Corte delle 3 lune di Largo San Giorgio 6/b a Noale e le prenotazioni sono già aperte. A conduzione familiare, i titolari hanno saputo scegliere un posto “coccolo” nella città dei Tempesta, il vecchio palazzo Zorzi-Bonaldi, con la possibilità di pranzare o cenare in una corte dove non c’è rumore e traffico; in cucina la possibilità di mangiare Rane fritte ed Escargot ma anche piatti vegetariani e della tradizione veneta, sempre attenti alla ricerca di prodotti freschi e di stagione. La serata inizierà con l’antipasto di Doppia sfoglia con Tortello di zucca e Asiago, lo Strudel di funghi di bosco e caciotta nostrana su vellutata di porcini. Il tutto accompagnato dal Metodo Classico “Organza” Docg Pinot Nero-Riesling. Si proseguirà con il Risotto di Monsaltus e provolone padano, Gnocchi fatti in casa con finferli e guanciale di Sauris lievemente affumicato: in tavola arriverà il Riesling Monsaltus Doc 2013. Per secondola Guancetta di manzo irlandese brasata al Ca’ Nuè con polentina Marano e Biancoperla e patatine al forno, servito con Pinot Nero Ca’ Nuè Doc 2013. E per finire, Nonna papera di pere e cioccolato su crema di cannella, accompagnato dal Passirè passito 2004. Il costo della serata sarà di 32 euro. Per informazioni chiamare lo 041-4433967 o inviare una e-mail a ristorante3lune@gmail.com. Chiuso il mercoledì. Enoteca le Cantine dei Dogi è un riferimento nel mondo enogastronomico, perché oltre alla distribuzione a ristoranti e Wine Bar propone i suoi prodotti anche tramite il canale e-commerce, novità che sta riscuotendo un grande successo. L’azienda Marchesi di Montalto, invece, è nata nel 2005 pur avendo alle spalle una realtà famigliare importante nell’ambito enologica. La produzione si basa su due vitigni principi della zona, Pinot nero e Riesling Renano disposti su 100 ettari. I cavalli di battaglia sono i Metodi Classici, proprio perché il primo, in questo territorio, trova uno dei migliori posti della terra dove maturare ed esprimere la propria tipicità. Il Riesling, oramai quasi tutto Renano, prosegue il progetto “Valle del Riesling”; in questa zona, come nella Mosella, il vitigno esprime al massimo le sue caratteristiche di mineralità e freschezza.