SEI CLASSICI PER SEI REGINE: OSTRICHE E BOLLICINE ALL’ANTEPRIMA DI CITTADELLARTEVINO

La seconda edizione di CittadellArteVino, manifestazione nata per unire la dimensione enologica e la sfera artistica, sarà preceduta da un’anteprima in programma il 28 settembre alle 18 in Villa Colombara a Cittadella (Padova) dal titolo Sei Classici per sei Regine. I partecipanti degusteranno ostriche e bollicine guidati da Alessandro Scorsone, Sommelier Master Class, Maestro cerimoniere di Palazzo Chigi, giornalista e responsabile della Guida Vini Buoni d’Italia, e dall’ostricoltore Pietro Nughes, selezionatore e importatore di ostriche da oltre dieci anni. Gli ospiti assaggeranno sei diversi tipi di molluschi in abbinamento a sei Metodo Classico dell’Azienda Agricola Nicola Gatta. Sulle colline calcaree di Gussago (Brescia), nella zona più orientale della Franciacorta, Nicola Gatta si dedica alla viticoltura biodinamica, senza l’utilizzo di diserbanti e prodotti chimici in vigna e solo fermentazioni spontanee con lieviti indigeni naturalmente presenti sulle bucce in cantina. Per quanto riguarda le “regine dei molluschi”, cinque delle sei varietà provengono dalla Francia: le due Fine de Claire, allevate da due diverse Maison nel bacino Marennes-Oléron sulla costa occidentale, saranno abbinate al Quattrocento Extra Brut e al Rosé de Noirs Nature; l’ostrica della selezione Les Huitres de Monsieur Jean Paul Huitres allevata in Normandia si degusterà con il Blanc de Blancs Nature; la varietà Marie Morganes di Brest, Bretagna, si accompagnerà al Blanc de Noirs Nature; la Perla de l’Imperatrice, Special originaria della zona di Cape Ferret, Gironda, sarà proposta con il Molener Extra Brut. L’ultima ostrica in degustazione, la varietà Regal allevata nella Clew Bay di West Port nel nordovest dell’Irlanda, sarà presentata con il Metodo Classico Ombra Cuvée Brut.

L’evento CittadellArteVino si terrà domenica 29 e lunedì 30 settembre in Villa Colombara. La proposta enologica sarà ampia e curata, grazie anche alla partnership con il Consorzio Vini Colli Berici e Vicenza, presente con un tavolo istituzionale. Grande attenzione sarà riposta all’offerta gastronomica: un’area esterna sarà riservata al giardino gourmet, con la presenza della Taverna degli artisti, J’adore Sushi Restaurant, Trattoria ai Mediatori e Zanco Food Project, cinque ristoratori pronti a deliziare tutti i palati, ognuno con la propria proposta e stile.  Sei Classici per sei Regine è una serata su prenotazione e a posti limitati.

Per info e prenotazioni visitare www.cittadellartevino.it/anteprima

Annunci

DOMENICA 8 SETTEMBRE A LE MANZANE (TREVISO) SI VENDEMMIA PER LA SLA

È tempo di vendemmia alla cantina Le Manzane, nel cuore delle terre del Prosecco Superiore. Si prepara il vino che verrà e anche quest’anno sarà due volte buono perché con i fondi raccolti si aiuta la ricerca sulla Sla. Torna domenica 8 settembre 2019 la vendemmia solidale, una grande festa aperta a tutti in programma, dalle 9 alle 16, tra i vigneti della tenuta di San Pietro di Feletto (Treviso). Il ricavato della manifestazione, giunta all’ottava edizione, sarà devoluto alla onlus Revert per la cura della sclerosi laterale amiotrofica, grazie ad un progetto sviluppato in collaborazione con l’impresa sociale Edipo Re.

La vendemmia è un rito dal fascino ancestrale, una delle esperienze più vere e suggestive che si possano vivere: domenica 8 settembre tutti possono trasformarsi in vignaioli per un giorno e trascorrere una giornata tra le Colline del Prosecco Superiore – proclamate il 7 luglio di quest’anno Patrimonio Mondiale dell’Umanità Unesco – in un’atmosfera magica e d’altri tempi, godendosi lo spettacolo tra i filari e i profumi che sprigiona l’uva appena raccolta in una rilassante domenica settembrina.

La giornata inizierà con la vendemmia, proseguirà con la musica dal vivo e i giochi di strada per i più piccoli, l’aperitivo a base di Prosecco Superiore Docg accompagnato da uno sfizioso finger food di pesce, una ghiotta merenda in “caneva” e si concluderà con il momento più atteso da tutti i golosi, una sfida dedicata al tiramisù, il dolce italiano più famoso al mondo, nato a pochi chilometri di distanza dalle Colline del Prosecco Superiore. Chi vincerà? La ricetta originale o la ricetta creativa? Sarà una giuria, sorteggiata tra i partecipanti alla vendemmia solidale, a decretare quale sarà il tiramisù più buono con un presidente d’eccezione: il Campione del Mondo di Tiramisù 2017, il feltrino Andrea Ciccolella. Alla fine l’irresistibile dolce al cucchiaio sarà servito a tutti.

La sclerosi laterale amiotrofica (Sla) è una malattia ad evoluzione progressiva che colpisce le cellule nervose cerebrali e del midollo spinale che permettono i movimenti della muscolatura volontaria. Ne sono affette 7 mila persone in Italia. Ogni anno si contano 3 nuovi malati ogni 100 mila persone, pari a circa 1.500 nuovi casi.

L’associazione Revert Onlus nasce nel 2003 per finanziare, promuovere e incentivare la ricerca per trovare una cura alle malattie neurodegenerative. Al momento la sperimentazione clinica su pazienti affetti da Sla, condotta dal professor Angelo Vescovi, è una delle più avanzate nel panorama scientifico internazionale. Revert è la prima associazione non profit al mondo ad aver effettuato trapianti di cellule staminali cerebrali prive di problematiche etiche.

L’edizione 2019 della vendemmia solidale sarà presentata venerdì 6 settembre 2019 a Isola Edipo, rassegna che si svolge tra la fine di agosto e i primi dieci giorni di settembre al Lido di Venezia durante la Mostra del Cinema, a bordo e attorno all’Edipo Re, la storica imbarcazione che Pier Paolo Pasolini ha condiviso con il pittore Giuseppe Zigaina. I vini della cantina Le Manzane saranno presenti al Social Food Festival, uno spazio degustazione nel cuore della mostra con prodotti a kilometro etico come il prosecco solidale che sarà stappato durante la festa finale della Biennale.

In sette edizioni sono stati raccolti 65 mila euro. I fondi sono stati destinati a progetti di ricerca o per aiutare persone in difficoltà.

L’evento è aperto a tutti.

I  posti in cantina sono limitati e su prenotazione. Per iscrizioni telefonare allo 0438 486606 o scrivere a info@lemanzane.it.

SINA CENTURION PALACE A VENEZIA: CINQUE STELLE LUSSO PER LE FESTE E LE CENE PIÙ ESCLUSIVE DURANTE LA MOSTRA DEL CINEMA.

Antinoo’s Lounge Restaurant Sina Centurion Palace di Venezia

Il Sina Centurion Palace è tra gli hotel più esclusivi dove fare Vip watching delle star presenti alla 76esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Il salotto cinque stelle lusso della Sina Hotels sarà esclusivo buen retiro scelto dai talent per soggiornare, per farsi coccolare sul Canal Grande con preziosi cadeau, per deliziarsi con la cucina dell’Antinoo’s Lounge & Restaurant, concedendosi qualche attimo di relax tra un red carpet e una proiezione cinematografica.

L’hotel si riconferma tra i posti preferiti dalle star che vengono al Festival del cinema e amano anche godere della bellezza di una location unica, dal ricercato design, ricca di arte e cultura con le installazioni degli artisti di fama internazionale Bruno Catalano e Philippe Shangti, in una posizione strategica sul Canal Grande, a pochi minuti di barca dal Lido di Venezia.

Dal 28 agosto al 7 settembre, il lussuoso salone della Presidential Suite dell’hotel ospiterà la Gift Room dove celebrities, esponenti del jet set nazionale e internazionale, attori e vip potranno concedersi una pausa e ricevere gli omaggi da parte dei prestigiosi marchi ospitati. Le star potranno rilassarsi con un drink e scegliere abiti, gioielli e accessori per serate di gala, red carpet ed eventi. A completare le coccole a cinque stelle lusso, ci sarà un servizio make-up e hair styling a loro dedicato. A Venezia, solo il Sina Centurion Palace offre questo esclusivo servizio, divenendo così uno dei luoghi più amati dalle star. Scelto per i suoi spazi esclusivi, il Sina Centurion Palace ha ospitato vernissage, mostre, eventi e private party, ospitando attori italiani e internazionali come Al Pacino, Spike Lee e David Cronemberg James Franco, Luca Zingaretti, Luisa Ranieri, Paola Cortellesi, Matt Dillon, Vareria Golino, Riccardo Scamarcio, Claudia Gerini, Filippo Timi, Raoul Bova, Carolina Crescentini, Maria Grazia Cucinotta, Cristina Capotondi, Luca Argentero, Matthew Avery Modine, Naomi Watts, Liev Schreiber, Daniel Jacob Radcliffe, l’attore britannico, noto per aver interpretato Harry Potter nell’omonima serie di film, Colin Firth e la moglie Livia Giuggioli.

L’hotel è stato scelto per ospitare i talent ospiti che parteciperanno agli eventi più esclusivi in laguna, ma il Sina Centurion Palace sarà anche la location di party e cene private all’insegna del glamour, del fashion e dell’alta cucina firmata dall’Executive Chef Giancarlo Bellino. Sono tantissime, infatti, le star del cinema internazionale che sono state folgorate dalla cucina dell’Antinoo’s Lounge & Restaurant: da Al Pacino a Spike Lee che ha apprezzato i piatti con le verdure di Sant’Erasmo; da Jhonny Depp a Carlo Verdone, a tanti altri tra cui Therry Gilliam, Shakira, Matt Dillon, Brad Pitt.

L’hotel è stato scelto per ospitare i talent ospiti dei party e degli eventi più esclusivi, tra i quali il “Franca Sozzani Award”, organizzato  a Venezia da Livia Firth, solitamente sempre accompagnata da suo marito Colin Firth. Il prestigioso magazine Vanity Fair ha scelto il Sina Centurion Palace per il soggiorno degli ospiti dei ricercatissimi party e anche del loro famoso torneo di golf. L’hotel ospiterà, inoltre, i premiati del Filming Italy Best Movie Award e il Charity party di Diva e Donna giunto alla 15a edizione;  inoltre il cinque stelle lusso della Sina Hotels ospiterà anche gli ospiti del Premio Mimmo Rotella e gli ospiti Vip del Festival Campari. Insomma sembrerà di essere nel backstage di una set cinematografico più che in una sala colazioni, oppure nella corte giardino di un hotel. In ogni caso la privacy e l’accoglienza del Sina Centurion Palace sono proprio le caratteristiche peculiari che lo rendono la lussuosa maison cinque stelle lusso a Venezia per tutti gli attori presenti alla Mostra del Cinema.

Ecco alcuni eventi in programma a partire dal 31 agosto con la cena dei premiati del Filming Italy Best Movie Award, riconoscimento collaterale ufficiale della Mostra che sarà assegnato ai titoli e alle serie tv italiane ed internazionali e ai migliori talent italiani e internazionali oltre che all’industry e professional, dell’ultima stagione cinematografica in collaborazione con Duesse Communication. Le tante eccellenze del cinema che saranno presenti andranno ad arricchire il premio che conta su un ampio voto del pubblico.

In attesa di conoscere il ricco parterre di ospiti di questa edizione Tiziana Rocca ospiterà l’attrice francese Isabelle Huppert e Sylvia Gertrudis Martyna Hoeksattrice e modella olandese, assieme ad altri attori italiani, top secret al momento.

Lunedì 2 settembre, il Sina Centurion Palace ospita i festeggiamenti per i quindici anni del Diva e Donna Chiarity dinner. Tra i premiati del mondo del cinema, della tv e dello sport anche Michela Andreozzi, madrina dell’associazione Never give up.

Dal 2 al 5 settembre, l’hotel sul Canal Grande è stato scelto per i dinner privati di numerose case cinematografiche.

Mercoledì 4 settembre è prevista la cena privata dell’ottava edizione del Soundtrack Stars Award, il Premio collaterale della Mostra del Cinema di Venezia che valuta la migliore colonna sonora tra i film in selezione ufficiale, assegnando inoltre il premio della critica ad artisti di fama internazionale come Ennio Morricone, Ryuichi Sakamoto, Alexandre Desplat, Nicola Piovani, Gabriele Muccino, Andrea Guerra e Guillermo del Toro. In giuria quest’anno oltre a giornalisti più accreditati a livello nazionale e internazionale ci sono Laura Delli Colli (Sgnci), presidente di giuria, la cantante Nilla Zilli e Marco Maccarini di Radio Italia. Il Soundtrack Stars Award è ideato e prodotto da Free Event in collaborazione con Sngci.

Infine venerdì 6 settembre. C’è grande attesa per il Secret closing party: sarà annunciato l’evento più internazionale per la chiusura della mostra, novità assoluta di quest’anno che riprende il mood del dopo Oscar dove ospiti e organizzatore del party viene tenuto segreto a tutti fino al girono stesso del party.  Quindi la lista degli ospiti del jet set è ancora top secret e lo rimarrà fino all’ultimo momento.

NUOVI CORSI AIS VENETO: CRESCE LA PASSIONE PER IL VINO

I sommelier Ais Veneto sono sempre più numerosi e l’associazione si prepara a festeggiare un altro traguardo importante: il primo semestre del 2019 ha registrato un più 5 per cento del numero dei partecipanti ai corsi e con l’inizio delle lezioni del periodo autunnale sono previsti oltre 1200 iscritti.

Saranno complessivamente 26 i corsi di primo, secondo e terzo livello attivati in tutto il Veneto a partire dal 9 settembre. Gli appuntamenti toccheranno tutte le province della regione e si concluderanno tra dicembre e febbraio, con gli esami finali.

«Con gli ultimi dati relativi ai nostri corsi – spiega Marco Aldegheri, presidente Ais Veneto – non solo è stato confermato questo trend positivo nell’aumento degli iscritti, ma è emerso inoltre che 1 corsista su 4 partecipa per cercare nuove opportunità lavorative. In un momento in cui l’enoturismo è in forte crescita, in particolare in Veneto, siamo orgogliosi di preparare e affiancare i nostri corsisti in modo che possano trasformare la loro passione in un lavoro vero e proprio».

Nella provincia di Venezia saranno quattro gli appuntamenti attivati. L’Hotel Novotel di Mestre ospiterà, con orario serale dalle 20.30 alle 23, un corso di primo livello che inizierà lunedì 23 settembre e uno di secondo livello in partenza lunedì 30 settembre. L’Hotel Amadeus di Venezia sarà invece la sede degli appuntamenti pomeridiani, dalle 15.30 alle 18: lunedì 30 settembre è previsto l’inizio del corso di primo livello e mercoledì 25 settembre quello di terzo livello.

Tutte le informazioni relative ai corsi e all’iscrizione sono disponibili sul sito http://www.aisveneto.it.

PINOT GRIGIO: TRA SEI GIORNI AL VIA LA VENDEMMIA IN VENETO

Lunedì 26 agosto, tocca al Pinot Grigio. È giunto il tempo per la raccolta delle uve dell’ultima denominazione interregionale i cui vigneti interessano gran parte degli ettari coltivati in Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Trentino Alto Adige. I sopralluoghi dei tecnici dell’Osservatorio vitivinicolo di Coldiretti confermano qualità ottima e calo della produzione rispetto allo scorso anno.

I dati diffusi dal Consorzio di Tutela delle Venezie registrano imbottigliamenti record segnalando un trend positivo iniziato già a primavera. «Una buona notizia – commentano i funzionari di Coldiretti – in vista di una vendemmia che preoccupa i viticoltori, stretti tra costi di produzione crescenti e vendite in stallo. Se il progetto della super doc era quello di dare prospettive alla viticoltura del Triveneto i primi risultati si vanno delineando. Blocco dei nuovi impianti, modulare l’immissione del prodotto allineato alle richieste di mercato e applicando su ogni bottiglia del contrassegno di Stato a garanzia di qualità e origine, sono i pilastri di una strategia unica, che ha come obiettivo la redditività dei produttori e gli elevati standard qualitativi. Inoltre controlli e verifiche insieme a formazione per potenziare la professionalità degli operatori e garantire trasparenza lungo tutta la filiera, per rispondere ai consumatori di tutto il mondo e per affermare lo stesso prodotto blasonato rispetto agli altri anonimi dei vari Paesi  proprio negli anni della Brexit e dei dazi americani».

VINO: COLDIRETTI, VENDEMMIA COL BOTTO. IN VENETO SI COMINCIA COL PINOT GRIGIO POI TOCCA AL PROSECCO. RECORD EXPORT

Pinot Grigio

«Anche se per la vendemmia è scoccata l’ora già al primo di agosto, per il Pinot Grigio coltivato in Veneto ci vorrà ancora un po’ perché i grappoli siano pronti alla raccolta. Idem per lo Chardonnay e altre varietà utilizzate per la produzione di vini spumante». Lo affermano i tecnici del servizio vitivinicolo regionale di Coldiretti che stanno monitorando la situazione tra i vigneti del territorio in molte zone ancora atterrati dalla grandine e in altre ripristinati nonostante il maltempo.  «Per le uve Glera di cui alle denominazioni Do afferenti al Prosecco la scadenza è ancora più in là – commentano i funzionari – si parla della prima decade di Settembre. L’attesa è dovuta all’andamento climatico ballerino che non ha aiutato la fase vegetativa delle piante».

Sarà comunque una festa – precisa Coldiretti – perché l’Italia celebra il record storico delle esportazioni di vino Made in Italy che fanno registrare un aumento del 5,2% rispetto allo scorso anno, quando avevano raggiunto su base annuale 6,2 miliardi di euro, la voce principale dell’export agroalimentare nazionale. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti su dati Istat relativi al primo quadrimestre 2019 presentata in occasione del distacco del primo grappolo di uva nell’azienda agricola Massimo Cassarà in Sicilia presso Contrada San Giorgio a Salemi, in provincia di Trapani, che inaugura l’inizio della raccolta lungo la Penisola con la vendemmia delle uve Pinot grigio, le prime ad essere trasformate in vino.

Positivi sono anche i consumi degli italiani, sempre più consapevoli e attenti alla qualità e all’origine, che sono pari a 37,5 litri pro capite all’anno con una spesa delle famiglie cresciuta del più 6,5% in valore nel primo trimestre del 2019 rispetto allo stesso periodo del 2018, secondo elaborazioni Coldiretti su dati Ismea Nielsen

Alta qualità e capacità produttiva – sottolinea la Coldiretti – spingono l’export delle bottiglie italiane che sono protagoniste di un vero a proprio boom nel Regno Unito dove sono aumentate del 10% con un incremento in valore 6% in Germania e del 3,2% negli Usa che si confermano il primo cliente. A preoccupare per il futuro – precisa la Coldiretti – sono però gli effetti della Brexit con l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea ma anche la guerra commerciale che Trump ha minacciato di scatenare nei confronti dell’Europa con un aumento dei dazi fino al 100% del valore che colpirebbero anche il vino italiano le cui spedizioni in Usa valgono 1,5 miliardi nel 2018.

A pesare sul successo del vino tricolore – spiega la Coldiretti – è anche il proliferare nei diversi continenti di falsi di ogni tipo con il Prosecco che guida la classifica dei vini più taroccati con le imitazioni diffuse in tutti i Paesi, dal Meer-secco al Kressecco, dal Semisecco e al Consecco, ma è stata smascherata le vendita anche del Whitesecco e del Crisecco. Senza dimenticare – rileva la Coldiretti – le vendite su Internet anche dei kit per il vino liofilizzato “Fai da te” con false etichette dei migliori vini Made in Italy che promettono in pochi giorni di ottenere le etichette più prestigiose come Chianti, Valpolicella, Frascati, Primitivo, Gewurztraminer, Barolo, Verdicchio, Lambrusco o Montepulciano.
«Occorre tutelare le esportazioni di vino Made in Italy di fronte ai numerosi tentativi di banalizzazione delle produzioni nazionali», ha affermato il presidente della Coldiretti Ettore Prandini nel sottolineare che “oltre alla perdita economica, a preoccupare è soprattutto il danno di immagine che mette a rischio ulteriori e nuove opportunità di penetrazione dei mercati».

WARDAGARDA 2019: ARRIVA CHEF ALESSANDRO BORGHESE

Alessandro Borghese

La quarta edizione di WardaGarda si arricchisce della presenza di Chef Alessandro Borghese, atteso sabato 7 settembre alle ore 16 alla tavola rotonda Olio Garda Dop: lo conosci veramente? Nei libri, al ristorante, in televisione. Lo chef conduttore di Alessandro Borghese 4 Ristoranti e Alessandro Borghese Kitchen Sound aprirà la due giorni dedicata alla scoperta dell’olio Garda Dop e del suo entroterra, in programma sabato 7 e domenica 8 settembre a Corte Torcolo di Cavaion Veronese (Verona). Oltre a Chef Alessandro Borghese, durante l’incontro interverrà il professore dell’Università degli Studi di Verona Gian Maria Varanini, studioso di storia medievale che nelle sue ricerche sull’olio, sul vino e sui prodotti caseari ha sempre coniugato aspetti riguardanti la storia alimentare con temi economici, sociali e ambientali. Varanini è anche l’autore di un volume dedicato alla storia dell’olivicoltura sul Garda. Paolo Forelli del locale Speckstube di Malcesine (Verona) e Simone Gottardello, chef del ristorante Evo di Bardolino (Verona), racconteranno invece la loro esperienza nell’utilizzo dell’olio Garda Dop nella ristorazione. Modererà la conferenza Luigi Caricato, oleologo e direttore della rivista OlioOfficina.

WardaGarda è la manifestazione dedicata all’olio Garda Dop e promossa dal Consorzio Olio Garda Dop con il contributo della Regione Veneto e della Pro Loco di Cavaion Veronese. Oltre alla conferenza, durante la manifestazione ci saranno anche un mercatino enogastronomico dove poter acquistare e conoscere i prodotti Dop e Igp del territorio regionale, una mostra fotografica, degustazioni e cucina del territorio a cura della Pro Loco e musica dal vivo. L’obiettivo è la valorizzazione dell’olio gardesano e dei prodotti veneti certificati, oltre che la promozione del turismo responsabile sul lago di Garda e nel suo entroterra, dove gli uliveti sono parte fondamentale del paesaggio. Il festival prende il nome da Warda, termine longobardo da cui deriva il toponimo Garda. Deve la sua origine alle fortificazioni di avvistamento con funzioni difensive sulle colline che circondano il lago, gli stessi rilievi su cui da secoli si coltiva l’olivo.

Per altre informazioni: https://wardagarda.it/

WARDAGARDA, IL FESTIVAL DELL’OLIO GARDA DOP E DEL SUO ENTROTERRA

Torna la due giorni dedicata all’olio Garda Dop, alla sua zona di produzione e agli uliveti che si affacciano sulle acque del lago di Garda. WardaGarda è la manifestazione dedicata a chi vuole scoprire tutte le qualità dell’olio Garda Dop, in programma sabato 7 e domenica 8 settembre 2019 a Corte Torcolo di Cavaion Veronese (Verona).

Ospite della manifestazione sabato 7 settembre sarà Chef Alessandro Borghese, protagonista di Alessandro Borghese Kitchen Sound, la trasmissione in onda tutti i giorni su Sky Uno.

Durante l’evento ci saranno un mercatino enogastronomico, dove poter acquistare e conoscere i prodotti Dop e Igp del territorio regionale, una mostra fotografica, degustazioni, cucina del territorio e musica dal vivo.

Giunto alla sua quarta edizione, WardaGarda è promosso dal Consorzio Olio Garda Dop con il contributo della Regione Veneto e con l’organizzazione della Pro Loco di Cavaion Veronese.

 

UN PIC NIC SOTTO LE STELLE PER UNA MAGICA NOTTE D’ESTATE

Una notte di San Lorenzo tra calici e cielo stellato quella che propone l’Azienda Collalto per il 10 agosto: il magico spettacolo delle stelle cadenti visto dalla suggestiva collina di San Salvatore.

A partire dalle 20 si potrà trascorrere una serata indimenticabile tra gli ulivi secolari degustando i vini Collalto, cenando all’aria aperta e osservando le stelle con un sottofondo di musica jazz e luci soffuse.

Il punto di ritrovo sarà all’interno della storica cantina, dove verrà consegnato ai partecipanti un cestino contenente uno sfizioso menu, una bottiglia di vino ogni due persone e una coperta per il picnic (su cauzione).

Un percorso tra i vigneti di circa 400 metri condurrà dalla cantina all’uliveto di San Salvatore, dove distendersi e godersi la serata.

Per chi preferisse evitare la camminata, sarà allestito anche un servizio navetta.

Costo, 25 euro a persona.

Il menu prevede pasta fredda con pesto di basilico, zucchine e melanzane, Arrosto di porchetta con patate al forno al rosmarino oppure omelette con verdure grigliate e formaggio, Macedonia di frutta, Pane e bottiglietta d’acqua da mezzo litro, una bottiglia di vino ogni due persone (oppure tre calici a persona).

Per informazioni e prenotazioni: incoming@cantine-collalto.it oppure 320 4027194

 

SABATO 3 AGOSTO, CALICI DI STELLE A MARTELLAGO (VENEZIA)

Ca’ della Nave

Appuntamento sabato 3 agosto a Ca’ della Nave a Martellago (Venezia) con “Calici di stelle. Notte di vino, notte di stelle”, organizzato dal Movimento turistico del Vino Veneto, Ca’ della Nave, Comune e Pro Loco locali.

Dalle 18, spazio alla degustazione enogastronomica di prodotti del territorio con musica dal vivo. Ci saranno aziende della zona ma anche proposte di prodotti naturali.

Ingresso gratuito o con un contributo di 10 euro che comprende calice più sacca porta calice, quattro degustazioni vino, una di cibo.  Possibilità di gustare il “menu stellare” presso il Ristorante Le Serre.

Si potrà esplorare anche l’universo con gli Astrofili, visitare la mostra di pittura “Notte di Stelle” e avere l’animazione per i più piccoli.