VINNATUR 2018: VILLA FAVORITA, IL BUONO DEL NATURALE

Parco Villa Fiorita

Tutto pronto per la quindicesima edizione di Villa Favorita, l’evento organizzato da VinNatur, associazione produttori naturali, in programma dal 14 al 16 aprile 2018 a Sarego (Vicenza). Qui 158 produttori provenienti da tutta Italia, ma anche da Austria, Francia, Germania, Slovenia e Spagna, porteranno i loro vini prodotti nel pieno rispetto del territorio, della vite e dei cicli naturali. La novità logistica più importante di questa edizione è l’ampliamento dell’area dedicata alla ristorazione. Ci saranno le pizze de La Zangola, i formaggi e salumi de La Casara, i prodotti della Fattoria Valli Unite, le specialità di Tagliati per il gusto e i piatti dei ristoranti Basil & Co. e de Il Callianino. Il tutto accompagnato dalle birre artigianali di Morgana birra col fondo e del Birrificio Hof Ten Dormaal.
Villa Favorita sarà aperta dalle 10 alle 18 e il costo del biglietto d’ingresso è di 25 euro al giorno, acquistabile solo all’ingresso dell’evento.
Per chi arriva in treno è prevista una navetta dalla stazione di Montebello Vicentino (Vicenza) fino a Villa La Favorita e ritorno.

ASOLO WINE TASTING 2018: NON SOLO PROSECCO

Il Consorzio Vini Asolo Montello si prepara per la settimana edizione dell’Asolo Wine Tasting, in programma domenica 6 maggio 2018 a Palazzo Beltramini, nel cuore del borgo di Asolo (Treviso).
Novità di quest’anno sono le tre degustazioni guidate dai sommelier di Ais Veneto e dedicate alle diverse tipologie di Asolo Prosecco Superiore Docg, ai vini rossi Doc e Docg del Consorzio, all’Incrocio Manzoni e alla Recantina. Dalle 10 alle 19 saranno aperti al pubblico i banchi d’assaggio con i vini del Consorzio.
Ad ospitare le tre masterclass sarà la Sala Gialla di Palazzo Beltramini. Alle 11, il primo assaggio sarà dedicato all’Asolo Prosecco Superiore Docg, presentato nelle sue diverse declinazioni, in particolare l’Extra Brut. La denominazione Asolo Montello è l’unica tra le Denominazioni del Prosecco che può rivendicare la tipologia Extra Brut nelle bottiglie prodotte.
Il Consorzio Vini Asolo Montello, che quest’anno ha superato l’obiettivo dei 10 milioni di bottiglie, non è però solo Asolo Prosecco Superiore Docg.
Nel pomeriggio saranno presentati agli altri vini prodotti nella zona. Alle 16 l’attenzione sarà rivolta alla Recantina, all’Incrocio Manzoni e al Colfondo, che dal prossimo anno si chiamerà Asolo Prosecco Superiore Docg sui lieviti, mentre alle 17.30 toccherà ai vini rossi Doc e Docg del Consorzio.
Nello stesso fine settimana il borgo trevigiano ospiterà anche la dodicesima rassegna di Fucina del Gusto, rassegna gastronomica dedicata alle eccellenze locali, che con Asolo Wine Tasting ha in comune la volontà di valorizzare il territorio dell’Asolo Montello e i suoi prodotti.
Il costo dell’entrata al banco d’assaggio sarà di 10 euro comprensivo di tasca e bicchiere souvenir.
Info sul sito asolomontello.it

 

FISH&CHEF 2018, L’EVOLUZIONE DELLA CUCINA D’AUTORE

Chef provenienti da tutta Italia si incontreranno in occasione delle ormai immancabili serate gourmand primaverili di Fish&Chef, che coinvolgeranno tutto il Lago di Garda: cuochi coraggiosi, visionari e interpreti di una straordinaria quanto innovativa cucina contemporanea. In sei esclusivi locali, dal 22 al 27 aprile, si metteranno alla prova, cimentandosi con l’utilizzo delle materie prime locali – pesce d’acqua dolce ma anche vini, olio extravergine d’oliva e la pregiata carne di Garronese veneta – proponendo piatti che trovano la loro sintesi nella libera creatività e che traggono ispirazione da un luogo sorprendente come il Garda.

Menti pensanti e braccia operative di Fish&Chef sono Elvira Trimeloni, titolare dell’hotel Meridiana di Malcesine, e Leandro Luppi, chef e patron stellato del ristorante Vecchia Malcesine, che vivono in prima persona l’evoluzione di un format longevo e al contempo giovane e in crescita. La nona edizione di Fish&Chefè realizzata in collaborazione con Laura Gobbi, project manager e firma di format di successo e il titolo del progetto è “Evoluzione”.
Così si snoda quest’anno il percorso gourmand in sei tappe sulle tre sponde del Garda, alla scoperta dei prodotti del lago attraverso le interpretazioni di grandi chef della cucina contemporanea: si inizia domenica 22 aprile all’Hotel Lido Palace di Riva del Garda (Trento) con lo chef Matteo Rizzo, del ristorante Il Desco (Verona). Lunedì 23 aprile, a La Casa degli Spiriti di Costermano sul Garda (Verona), sarà la volta di Claudio Melis, chef e ideatore di In Viaggio – Claudio Melis Ristorante (Bolzano), mentre martedì 24 aprile, gli chef Anna&Oreste Corradi di Locanda Vecchia Pavia “Al Mulino” (Certosa di Pavia) saranno i protagonisti della cena al Grand Hotel Fasano di Gardone Riviera (Brescia). Il giorno seguente, mercoledì 25 aprile, il Regio Patio, ristorante gastronomico dell’Hotel Regina Adelaide di Garda (Verona), ospiterà lo chef Terry Giacomello, ristorante Inkiostro di Parma. Giovedì 26 aprile, il Palazzo Arzaga di Calvagese della Riviera (Brescia), vedrà ai fornelli lo chef Alessandro Gilmozzi del Ristorante El Molin a Cavalese (Trento).

Venerdì 27 aprile, gran finale con alcuni degli chef del Dream Team gardesano, che concluderanno egregiamente questo viaggio nella creatività con la cena di gala all’Hotel Bellevue San Lorenzo di Malcesine (Verona). Il Dream Team, dal 2014 elemento fondamentale di Fish&Chef, è la risposta dei cuochi del Lago di Garda all’esigenza di rendere unico un progetto di amore e rispetto per il proprio territorio.

Stefano Baiocco del Ristorante Villa Feltrinelli a Gargnano (Brescia), Alberto Bertani del Ristorante Qb Duepuntozero di Salò (Brescia), Annalisa Borella, pastry chef di Villa Feltrinelli, Maurizio Bufi del Ristorante Villa Giulia di Gargnano (Brescia), Isidoro Consolini del Ristorante La Cantina Del Baffo a Limone sul Garda (Brescia), Andrea Costantini del Regio Patio dell’Hotel Regina Adelaide di Garda (Brescia), Carmelo di Novo della Pasticceria Di Novo a Manerba sul Garda (Brescia), Matteo Felter del Ristorante Fagiano del Grand Hotel Fasano a Gardone Riviera (Brescia), Massimo Fezzardi del Ristorante Esplanadea Desenzano del Garda (Brescia), Maria e Orietta Filippini del Ristorante La Tortuga a Gargnano (BS), Giuliana Germiniasi del Ristorante Capriccio di Manerba del Garda (Brescia), Michele Iaconeta del Ristorante La Casa degli Spiritidi Costermano sul Garda, Leandro Luppi del Ristorante Vecchia Malcesine di Malcesine (Verona), Andrea Mantovanelli del Ristorante La Rucola 2.0 a Sirmione (Brescia), Fabio Mazzolini del Ristorante Dalie e Fagioli a Manerba sul Garda (Brescia), David Cattoi del Ristorante Il Re della Busa del Lido Palace Hotel di Riva del Garda (Trento), Roberto Stefani del Ristorante La Lepre a Desenzano del Garda (Brescia).

La partecipazione a una cena costa 85 euro, per le prenotazioni è necessario rivolgersi ai posti che ospitano le serate, mentre il sito ufficiale è http://www.fishandchef.it.

I VINI DEI COLLI BERICI HANNO UNA CASA: A LONIGO. IL 23 MARZO APRE L’ENOTECA

L’Enoteca dei Vini dei Colli Berici

I vini dei Colli Berici hanno una nuova dimora. Venerdì 23 marzo il Consorzio Vini Colli Berici e Vicenza apre al pubblico L’Enoteca dei Colli Berici, un nuovo spazio dedicato alla promozione dei vini della denominazione allestito all’interno del cinquecentesco Palazzo Pisani di Lonigo (VI). L’inaugurazione è prevista alle ore 12 e padrino dell’evento sarà Alessandro Scorsone, sommelier e Maestro Cerimoniere della Presidenza del Consiglio dei Ministri. La sala di Palazzo Pisani, sede del Consorzio, ospiterà anche l’ufficio Informazioni e Accoglienza Turistica del Comune di Lonigo, che gestirà tutta l’area berica. “L’enoteca – spiega Silvio Dani, presidente del Consorzio Vini Colli Berici e Vicenza – è un progetto fortemente voluto da tutto il Consorzio, una dimora per i vini prodotti all’interno della DOC Colli Berici. Nasce come luogo di incontro e scambio per i nostri produttori e per rafforzare ancora di più il senso di identità e di appartenenza al territorio, perfettamente espresso al suo interno con l’esposizione dei vini delle aziende del Consorzio. Siamo felici che la sede di Palazzo Pisani ospiti anche la sede dello I.A.T., dato che condividiamo con loro molti valori. Uno su tutti, la volontà di valorizzare al meglio il nostro territorio, ancora poco conosciuto, ma che ha moltissimo da dare sia dal punto di vista turistico che enogastronomico”. Lo spazio dell’enoteca potrà accogliere fino ad un massimo di 50 persone e ospiterà degustazioni, incontri e corsi di formazione che avranno come punto cardine i vini dei Colli Berici, chiamati #bericirock dal legame con la pietra che caratterizza questo territorio e il loro carattere. La sala sarà aperta dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 17.00, mentre sarà disponibile su prenotazione per le serate e nei giorni festivi. La nuova enoteca sarà presentata poche ore prima dell’apertura della 532^ Fiera di Lonigo e, in occasione del ricco weekend, la sala ospiterà quattro degustazioni guidate da Giovanni Ponchia, direttore del Consorzio, dedicate ai vini della DOC. Alle 16 di sabato 24 marzo Tutti i colori dei Colli Berici, con due bianchi e due rossi del Consorzio, e alle 18 Le vigne del Palladio, con i prodotti di quattro vigneti coltivati attorno ad altrettante ville palladiane. La giornata di domenica 25 marzo sarà invece tutta dedicata ai rossi del Consorzio, con le degustazioni Cabernet vs Merlot alle 16 e Tai Rosso e Carménère alle 18. Il costo di ciascuna degustazione è di 5 euro. Il biglietto sarà acquistabile solamente in loco poco prima dell’inizio del tasting, è però possibile riservare un posto contattando il Consorzio Vini Colli Berici e Vicenza all’email info@bevidoc.it o al numero 0444896598. Per maggiori informazioni visitare il sito consorzio.bevidoc.it.

PIANETA DESSERT SBARCA A MESTRE, A PECCATI DI GOLA LA TAPPA DEL TOUR NAZIONALE “TORTE MODERNE”

Loris Oss Emer

Dalla realtà virtuale a quella tangibile. Ha raggiunto la notorietà nel settore dei dolci con il suo blog “Pianeta Dessert” e adesso si appresta a incontrare i suoi fans in una tournée nazionale che tra pochi giorni toccherà Venezia, dove è già tutto esaurito.
È Loris Oss Emer, 45enne votato all’arte pasticcera da quando di anni ne aveva 17. Insegnante dell’Istituto alberghiero di Levico Terme, in tre anni è diventato un punto di riferimento in internet e sui social network, con 60 mila followers per la pagina Facebook e 19 mila su Instagram.
La tappa veneta del tour si terrà a Mestre, sabato 17 marzo dalle 14 alle 19, nella sede della scuola di cucina e catering Peccati di Gola, in via Fratelli Cavanis 52. Al centro, il corso “Torte Moderne” che il maestro ha già tenuto con successo a Roma, Bari, Caserta, Milano, Torino e Genova.
Dopo la data mestrina, la tournée proseguirà fino a maggio con le tappe di Pisa, Piacenza, Bologna, Catanzaro, Palermo e Cagliari. I corsi poi riprenderanno in autunno con nuove date.

AQUA CRUA: ARRIVANO LE UOVA DI PASQUA DI GIULIANO BALDESSARI

Novità in casa Aqua Crua per la Pasqua 2018: alle classiche colombe quest’anno Giuliano Baldessari ha deciso di affiancare le uova di cioccolato.
Le uova di Aqua Crua sono proposte in edizione limitata, solo 100 pezzi, nel formato da 200 grammi e realizzate con una speciale selezione di cioccolato al 70 per cento proveniente dalla Papua Nuova Guinea, ottenuto da un cacao fine e raro con sentori tendenti all’affumicato e all’acido e aromatizzate al sale di Maldon e cassia, una spezia orientale conosciuta come cannella cinese. La sorpresa all’interno di ognuna è una ricetta di Baldessari.
La colomba di Aqua Crua, riproposta dopo il successo dell’anno scorso, è preparata con cura artigianale tutte le settimane secondo la ricetta di famiglia di Giuliano. Arricchita con canditi artigianali è aromatizzata in modo naturale con fave di tonka e cassia, che le conferiscono un sapore deciso ed esotico ma per niente stucchevole.
La colomba e le uova sono disponibili nel ristorante o acquistabili on line nello shop di Aqua Crua (https://aquacrua.jimdo.com/) entro il 25 marzo. Il costo della colomba da mezzo chilo è di 15 euro, 10 euro le uova da 200 grammi. Spese di spedizione 6,50 euro, gratuite a partire da 10 pezzi. Le spedizioni partono tutte le settimane il lunedì e si assicurano quelle solo degli ordini eseguiti entro venerdì sera.

 

IL 10 E 11 MARZO MIRANO OSPITA “BOLLICINE IN VILLA”

Dedicata ai “wine lover” e agli “addetti ai lavori”, la kermesse sarà un’occasione per incontrare in un posto incantevole il meglio della produzione italiana ed europea di spumanti, che sarà accompagnata da una selezione di prodotti gastronomici d’eccellenza provenienti dal nostro territorio.
Un viaggio nei territori più interessanti e più importanti per gli spumanti: Francia, Italia, Spagna, Slovenia, Germania e Austria. Da vitigni autoctoni e alloctoni, internazionali, vini biologici, biodinamici, naturali, convenzionali, di pianura, di collina e di montagna (da viticultura eroica), di mare, di vignaioli indipendenti e di piccole realtà emergenti o di quelle già affermate.
Sarà un’opportunità per imparare e provare le differenze tra vini frizzanti e spumanti, da Metodo Classico o Metodo Martinotti Italiani e i principali spumanti europei: Champagne e Cremant Francesi, Cava Spagnoli e poi Spumanti da Slovenia, Germania, Austria.
Sabato 10 e domenica 11 marzo, Villa e Barchessa di XXV Aprile a Mirano (Venezia) ospiteranno “Bollicine in Villa”, dove sarà presentata una vasta gamma di vini senza dimenticare la grande produzione Italiana: il Trentino, l’Oltrepò Pavese, la Franciacorta, il Piemonte e Valdobbiadene, tra le più vocate e conosciute, ma si potranno scoprire nuovi spumanti da Sardegna, Basilicata, Toscana, Emilia Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia e Alto Adige. Inoltre si spazierà tra grandi e rinomate o piccole e raffinate Maison dello Champagne e non solo: Dom Perignon (nuova aggiunta della seconda edizione), Cristal, Ruinart e Bollinger e poi Bernard Robert, Boutillez Vignon e R. Gabriel – Pagin Fils con gli Champagne Premier Crù, Bourbier Louviet e Frank Bonville con i Grand Crù. Sempre dalla Francia i Cremànt d’Alsace del vigneron independant Mauler, dalla Spagna Milltrentaset con i Cava nature e reserva, dall’Austria Gangl Wines con il particolarissimo Roter Sekt mèthode traditionnelle, dalla Germania e precisamente dalla Mosella la cantina Drk con due spumanti ottenuti con mèthode traditionnelle da uve Riesling Renano, dalla Slovenia Erzetic Wines con lo spumante Sentio ottenuto con il mèthode traditionnelle da uve Rebula e Chardonnay.
Il tutto sarà accompagnato da cibi e prodotti gastronomici tra i più interessanti del nostro territorio.
Ai banchi di assaggio saranno presenti produttori e sommelier. Per partecipare non serve prenotarsi, mentre il servizio mescita terminerà alle 19.30 e alle 20 chiuderanno Villa e Barchessa. Il pubblico sarà anche un giudice, potrà infatti votare i migliori vini e la migliore cantina della manifestazione. Ingresso 30 euro.

ECCO PONTE ROSSO, L’ULTIMA GEMMA DI CASA COLLALTO

Principessa Isabella Collalto

L’ultimo nato di casa Collalto è uno spumante Brut Nature Millesimato innovativo e moderno, ottenuto dalla Glera ricca di minerali coltivata nella caratteristica località di Ponte Rosso, vicino al Castello di San Salvatore. Si chiama Ponte Rosso e arriva in un anno particolare: nel 2018, l’azienda di Susegana (Treviso) ricorrono i 1060 di presenza ella famiglia nella Marca Trevigiana.
E si è voluta regalare un vino che sarà presentato alla prossima edizione di Vinitaly (15-18 aprile) a Verona, della vendemmia 2017, proposto in anteprima per alcuni ospiti nella cantina dell’azienda, nato da un lavoro di zonazione dei vigneti per valorizzare al meglio le particolarità delle diverse aree. Ponte Rosso è una località vicina al Castello di San Salvatore, dove il terreno è particolarmente argilloso. In passato, in quest’area veniva estratta l’argilla, di colore rosso, per produrre coppi e mattoni per le case della Corte dei Conti di Collalto. I mattoni realizzati con questa argilla erano di un colore così intenso che il ponte con i quali è stato costruito ha preso il nome di Ponte Rosso. La Glera generata da questa terra è ricca di minerali, perfetta per un Brut Nature, ben strutturato, minerale e austero come il nostro Ponte Rosso.
Al termine della degustazione, una cena per assaggiare altri prodotti di casa Collalto; così il Ponte Rosso ha accompagnato il Timballo di zucca su fonduta e tartufo nero e i Taglioni al Prosecco con pisellini novelli e Parma Croccante, seguiti da un Filetto di pesce bianco in mantello di lattuga, burro al lime, carote vichy e zecchinette con in tavola un Rosabianco Incrocio Manzoni Rosa.
Per finire, un Trio di sorbetti alla frutta, fragole e menta con il Violette Incrocio Manzoni Moscato e un Caffè con Grappa Prince Riserva 18 mesi barricata.

IL FESTIVAL TRIVENETO DEL BACCALÀ TAGLIAPIETRA FA IL BIS. LUNEDÌ 5 MARZO 2018 ALL’ANTICA TRATTORIA BALLOTTA DI TORREGLIA (PADOVA) I SEI CHEF FINALISTI

Finalisti Festival del Baccalà 2017

Lunedì 5 marzo 2018, all’Antica trattoria Ballotta, gli chef finalisti del Festival Triveneto del Baccalà – Trofeo Tagliapietra, edizione 2017, replicheranno i piatti del Galà Finale per far rivivere al pubblico le emozioni dei piatti degustati, ospitata alla Rocca Sveva di Soave (Verona). Si potrà assaggiare il piatto vincitore “Zuppetta di stoccafisso con sedano rapa e alghe” dello chef Andrea Rossetti del ristorante Fuel in Prato – Padova. Ma non solo, anche i piatti finalisti: “Come una ceviche di stoccafisso” dello chef Fabio Pompanin, Al Camin di Cortina d’Ampezzo (Belluno),“Tortiglione di stoccafisso cipolla e mais” dello chef Stefano Basello, Il Fogolar-Best Western Hotel Là di Moret di Udine, “Carpaccio di baccalà, spuma all’aroma di pancetta piacentina e polvere di caffè” dello chef Luca Veritti, del Met di Venezia, “Perla nera: Praline di stoccafisso e patata americana con pollastra affumicata, chutney di mango e sorbetto al tè matcha” dello chef Renato Rizzardi de La Locanda di Piero di Montecchio Precalcino (Vicenza) e “Orzetto bio integrale alla crema e crostoni di stofis, con verdure bio della Val di Gresta” dello chef Ivano Dossi della Locanda D&D di Sasso Nogaredo (Trento).
Il Festival Triveneto del Baccalà – Trofeo Tagliapietra è una manifestazione enogastronomica itinerante che coinvolge alcuni tra i migliori ristoranti del Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia e che vede Chef e brigate sfidarsi per ideare la ricetta più innovativa. La manifestazione è organizzata dalla Dogale Confraternita del Baccalà mantecato, dalla Venerabile Confraternita del Baccalà alla vicentina, dalla Vulnerabile Confraternita dello Stofiss dei Frati in collaborazione con Tagliapietra e Figli Srl, una delle aziende leader in Italia nell’importazione, lavorazione e commercio di prodotti ittici in particolare del merluzzo.
Il ristorante che ospiterà la serata di gala aperta al pubblico è l’Antica Trattoria Ballotta di Torreglia (Padova). Passato, di secolo in secolo, da rustico dei frati agostiniani di un antico monastero poco distante, a osteria di campagna, cambio di posta per i cavalli, trattoria e, in tempi più moderni, a famoso ristorante dei Colli Euganei, la Trattoria Ballotta è un punto di riferimento per buone forchette alla ricerca di una cucina genuina. All’Antica Trattoria Ballotta si trova passione per le cose semplici, cura e cultura per l’uso di ingredienti che non tradiscono il territorio e soprattutto grande attenzione per l’ospitalità e l’arte del convivio.
Oggi l’Antica Trattoria Ballotta è gestita dai quattro fratelli Legnaro, Cristina, Anna, Adriano e Fabio, che ne fanno uno dei luoghi più ambiti dagli estimatori della più vera e tipica gastronomia euganea e padovana.
Inizio della serata alle ore 20 e il costo, a persona, è di 60 euro, tutto compreso. Telefono 049-5212970.