SFIDA ALLA PARI FRA DUE CUOCHI STELLATI AL CENTURION PALACE

Da sx Leandro Luppi e Luca Marchini

Da sx Leandro Luppi e Luca Marchini

Giudicare due chef stellati non è mai facile. Si parte già da una base alta di cucina e ti aspetti che in tavola ti arrivi qualcosa di eccellente. Stavolta, però, non erano l’uno contro l’altro ma in associazione, perché quanto è andato in scena nel ristorante dell’Hotel Centurion Palace di Venezia, venerdì 7 marzo, non era una gara vera e propria. Anzi, i due protagonisti ai fornelli, Leandro Luppi del ristorante Vecchia Malcesine sul lato veronese del lago di Garda, e Luca Marchini, del ristorante Erba del Re di Modena, dovevano preparare i loro piatti ispirati al cinema e lavorare insieme per entrare in una classifica di un tour italiano, che si concluderà il 14 aprile a Napoli. Da qui la coppia regina volerà a Los Angeles per un duello stavolta uno contro uno. E’ la Imaf Chefs’ Cup 2014, che ha fatto tappa in uno dei più eleganti alberghi sul Canal Grande e appartenente alla catena Sina Fine Italian Hotels. Al Centurion Palace si è tenuta la sesta delle nove tappe italiane, dove una giuria e una cinquantina di ospiti hanno potuto ammirare la preparazione delle ricette, create per l’occasione, è poi assaggiare i piatti. Luppi e Marchini non si erano mai conosciuti prima d’ora e hanno dovuto ispirare le loro creazione su «Il grande Gatsby», tratto dal romanzo di Francis Scott Fitzgerald. Dalla loro fantasia sono nati una Crema di cavolfiore, humus e acciughe (di Luca Marchini) e gli Spaghetti monograno Matt al gin tonic, con carpaccio di gamberi rossi e accompagnato da del burro affumicato con legno di ciliegio (di Leandro Luppi). Ricette e ingredienti semplici, attorno all’euro il costo della porzione perché il concorso prevede anche un risparmio in cucina, ma che le mani sapienti dei due chef hanno saputo esaltare. Ottima la crema di cavolfiore, anche se, come riconosciuto dallo stesso chef, era un po’ più liquida di quanto previsto; caratteristica del piatto la sorpresa: a ogni cucchiaio il gusto era sempre diverso da quello precedente. Perfetti in cottura e splendidi agli occhi anche gli spaghetti Luppi, quasi un peccato iniziare a mangiarli da come si presentavano, un dispiacere finirli qualche minuto dopo, con il gin che si avvertiva poco poco ma esaltato dal burro e dal gambero stesso. Alla fine, i due chef si sono piazzati terzi nella classifica parziale ma le ricette hanno ottenuto un gran consenso. A fare gli onori di casa lo chef del Centurion Palace, Massimo Livan, premiato con le tre forchette rosse della Guida Michelin, le due forchette della Guida ai ristoranti d’Italia 2014 del Gambero Rosso e recensito della Guida d’Identità Golose. La serata è proseguita con un suo menù, a base di risotto di crema di piselli, gelato al baccalà e ravanello croccante, seguito dal trancio di rombo in crosta di caffè, con mousse di Caprino, wasabi e mirtilli. Prossima tappa dell’Imaf Chefs’ Cup 2014 il 21 marzo all’Hotel Astor di Viareggio (Lucca).

ALESSANDRO RAGAZZO

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...